Archivi tag: Oktava

Loon Lake recording session

La colonna sonora di Loon Lake è in lavorazione, alcuni brani già pronti, altri da rifinire, altri ancora da rivedere con attenzione.

Ad avere più tempo ce ne sarebbero di cose da provare, da sperimentare, ma fra meno di una settimana c’è il mix del film…

Intanto registro le parti di piano acustico. E nonostante i microfoni siano degli economici Oktava, il suono non è male…

tra i pannelli si intravede il film…

Annunci

Traps

Comincio finalmente a sistemare le trappole acustiche, faccio le misurazioni, sposto quelle che non sono fissate al soffitto, rifaccio le misurazioni…
Ci sono particolari frequenze che restano difficili da controllare, ma scopro, ascoltando musica, che i miglioramenti ci sono, e notevoli…
La stereofonia è chiara e definita anche spostandosi dalla posizione abituale, davanti e vicino alle casse. Addirittura si sente bene ogni particolare anche dal fondo della sala, dove prima era tutto un suono confuso e riverberato.
Alcuni particolari da mettere a posto e a breve lo studio sarà di nuovo in funzione…
image

appesa in attesa...

 

image

...di essere fermata in posizione...

image

misurazioni dopo il montaggio

 

Posted from WordPress for Android


upright piano recording update…

Prova e riprova, sposta i microfoni, cambia modello, aggiungi e togli, alla fine la soluzione trovata è un po’ ingombrante…
Ho spostato il pianoforte verso il centro dello studio, con il retro dello strumento accessibile, sono tornato sulla scelta fatta all’inizio per quanto riguarda i microfoni ( due Oktava MK012 con capsula omnidirezionale) e dopo innumerevoli tentativi credo d’aver individuato la posizione più adatta a rendere il suono, che sento mentre siedo allo strumento, anche nelle registrazioni.

Per evitare di dover ricominciare da capo ogni volta le ho “segnate” sul retro del pianoforte con due pezzi di nastro adesivo…

(per scattare la foto ho spostato i pannelli di cellulosa che utilizzo per isolare i microfoni…)


Going ahead…

Continuo a lavorare sui campionamenti di suoni “da cucina”, con il dolore della scomparsa di Raffaele, l’ideatore del gemellaggio di cui tratta il piccolo documentario, padre del regista.
E mio cognato…


Kitchenware sampling session…

Per un documentario che sto musicando ho deciso di utilizzare, per una scena girata in una cucina, dei suoni adatti…
Ho preso un po’ di roba dalla mia cucina e ho portato tutto a studio.

Ho sistemato un microfono a condensatore ( SE-Electronics Z3300A, modalità cardioide) sopra un tagliere di legno, e al lato, giusto per provare come se la cavasse, un super-economico T-Bone RB100 a nastro.
Sopra il condensatore ho piazzato il Reflexion Filter ( anche lui nel modello economico, il Project Studio), e dietro al tagliere i miei pannelli mobili di ovatta di cellulosa, a “proteggere” la registrazione…

Messo in registrazione Logic Pro ho cominciato a campionare: dalle zucchine…

…alle carote e al pane…

E poi: pentole e pentoline, con e senza acqua…

Alla fine. pulire tutto…

(…in realtà il microfono a nastro ha aggiunto un bel po’ di soffio alla registrazione, per non parlare dei cavi non proprio di altissima qualità, per cui ho dovuto ripulire anche le registrazioni appena concluse. Fortunatamente avevo molti momenti di silenzio dai quali prendere l’impronta audio per eliminare il rumore di fondo…)


studio rebuilt..

Dopo molte prove d’ascolto ho deciso di risolvere alcuni problemi di risonanze a studio cambiando completamente la disposizione…


Presto metterò delle foto anche delle trappole acustiche che ho costruito appositamente, e che hanno reso molto più piacevole lavorare lì dentro…

Nel frattempo ho fatto alcune prove di registrazione con l’ultimo acquisto: un microfono SE Electronics, il Z3300A.

Con il mio chitarrista abbia registrato usando sia un’acustica Yamaha che una classica Ramirez, e il risultato è molto incoraggiante: questo microfono rende veramente bene…


%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: