Archivi tag: Garage Studio

San De Villa

Una settimana di registrazioni, discussioni, risate, tensioni, fatica, divertimento, mal di schiena…

E buona musica…

Si prova la struttura di un brano...

Si prova la struttura di un brano…

Annunci

Pretending…

Appena consegnato sei brani registrati qui a studio.
Molto semplici, qualche chitarra, basso, voci, qualche tastiera e soprattutto una batteria acustica un po’ impegnativa da registrare, con la mia attrezzatura…
Una Ludwig Silver Sparkle con cassa da 26 pollici, quella di Bonham, per intenderci, non è facilissima da rendere bene.
Come dicono tutti i fonici a proposito di questa “bestia”: per avere il suono di Bonham devi intanto suonare come lui, e non sempre è così. Anche perché i brani che ho registrato tutto sembrano meno che i Led Zeppelin…
Per questo ho chiarito da subito: inutile stare a cercare di far finta di esser questo o quello, di ottenere il suono di quel disco o di quel musicista: cerchiamo di rendere al meglio i brani per quello che sono…

Non è mai un discorso facile da fare, o meglio: non è facile farsi capire.

Che significa: rendere al meglio i brani? Non basta registrare meglio possibile? Magari con il suono di Bonham? E le chitarre a palla, eh?..

I brani vanno da un tango sghembo di sette battute ripetute fino al solo finale, dove arriva l’ottava battuta a concludere il giro, a canzoni simil-Silvestri, con in mezzo altri brani senza uno stile facilmente definibile.

Il che ha aiutato, però…

Ad ogni brano cercavo di capire cosa volesse ottenere lui, l’autore (ed esecutore di tutto quanto, tranne le parti di tastiera…). Perché avesse deciso di fare determinate scelte stilistiche, perché quella struttura, quel tipo di cantato spesso stentoreo, ma anche “giusto” per i brani realizzati…

Alla fine son venuti fuori sei pezzi sicuramente “originali”, probabilmente difficili da “piazzare”, ma sicuramente con un loro carattere…

Un po’ come la gigantesca batteria che è stata settimane a studio qui da me…

Ludwig


Ordine?

Il blog ha bisogno di qualche sistemata: visto che WordPress non permette di avere gli articoli su pagine differenti, ma permette di avere solo una pagina principale con i post e le altre “fisse”, ecco: piano piano sposterò gli pseudo-tutorials “fai-da-te” in pagine apposite, sotto il menù DIY, e così sarà per tutto quello che potrà essere utile avere a portata di click, senza bisogno di navigare nell’archivio…

Presto un mini-tutorial sul primo Skyline Diffuser, appena finito di assemblare…


Finally…

… il nuovo acquisto è arrivato, sano e salvo, nello studio.

Pulito a fondo, regolato la meccanica, pronto per essere accordato, appena s’è acclimatato.
Non vedo l’ora di registrarlo, con il suono che ha, con la sala fianlmente trattata a dovere, non vedo l’ora…

Il Petrof al suo posto...


News from England

La roba ordinata tempo fa finalmente è a studio.
Manca solo il pianoforte, ormai…

la roba arrivata da Londra...

Posted from WordPress for Android


…e una volta a settembre…

… lentamente le cose ricominciano a muoversi.
Domani parte da Londra il pacco di attrezzatura per lo studio ordinata da tempo: mancava un pezzo, pensavano d’avermelo segnalato, mi hanno telefonato per chiedermi come mai avessi pagato senza voler sapere che fine avesse fatto l’ordine…
In realtà non avevano segnalato nulla e resto stupito che mi facciano una telefonata da Londra per rispondere ad una mail…

Venerdi montano il condizionatore, entro giovedi dovrebbe arrivare l’altro materiale per finire il trattamento acustico, e per la fine della prossima settimana dovrei poter prendere il pianoforte a coda…

Nel frattempo seguo attentamente una mezza dozzina di aste su eBay di microfoni vintage super-convenienti, ma con carattere…


Hacking Ikea once again…

In attesa che vengano ad installare il climatizzatore continuo a modificare mobili Ikea, qualcuno più, qualcuno meno.
Una libreria Billy ha trovato spazio sdraiata e con gli scaffali montati al contrario.
Un divano Klobo ha soltanto avuto un’imbottitura supplementare nello schienale.
Anche la Billy, fra il fondo e la vetrata dove poggia ha uno strato di cellulosa acustica.
imageil “piede” per la libreria Billy da sdraiare
image

La libreria pronta...

image

L'imbottitura supplementare al divano Klobo

image

a sinistra il Klobo, a destra il vecchio divano, pronto a sparire

Posted from WordPress for Android


Traps

Comincio finalmente a sistemare le trappole acustiche, faccio le misurazioni, sposto quelle che non sono fissate al soffitto, rifaccio le misurazioni…
Ci sono particolari frequenze che restano difficili da controllare, ma scopro, ascoltando musica, che i miglioramenti ci sono, e notevoli…
La stereofonia è chiara e definita anche spostandosi dalla posizione abituale, davanti e vicino alle casse. Addirittura si sente bene ogni particolare anche dal fondo della sala, dove prima era tutto un suono confuso e riverberato.
Alcuni particolari da mettere a posto e a breve lo studio sarà di nuovo in funzione…
image

appesa in attesa...

 

image

...di essere fermata in posizione...

image

misurazioni dopo il montaggio

 

Posted from WordPress for Android


Nuvola acustica 2.0

Tutto il giorno sulla scala, ma alla fine…

image

La nuvola acustica installata

image

L'intricatissimo sistema per sorreggere tutto...

image

close up, c'è una fessura che separa la nuvola per far passare la luce

Posted from WordPress for Android


Nuvola acustica

Comincio a riassemblare lo studio, e la nuvola acustica prende forma…

 

image

I pannelli per la nuvola acustica...

 

 

image

Si comincia ( i primi due, su diciassette)

 

Posted from WordPress for Android


%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: