Klobo Hacking

Nel mio studio ho un divano Ikea, il Klobo, quasi perfetto: è piccolo, leggero, comodo, facile da spostare.
Però ho scoperto che ha molto spazio inutilizzato, sotto la seduta…
Visto che di roba in giro per lo studio ce n’è sempre troppa, ho fatto una piccola modifica anche a questo divano, oltre all’imbottitura supplementare nello schienale, in funzione anche quella di trappola acustica…

La modifica più utile però è stata creare un vano all’interno del divano per infilarci tutte le attrezzature da tenere a portata di mano, ma non in mezzo ai piedi..

Il divano Klobo "spellato"

Per cominciare ho tolto una parte della copertura anteriore per poter tagliar via una porzione del frontale di truciolato.

Il taglio dell'apertura

Il rivestimento "adattato" all'apertura

La tavola che farà da "fondo"

Il fondo è a posto...

Il lavoro finito...

già pieno...

Capiente...

Di roba ce ne entra parecchia: un paio di porta-asciugamani pieghevoli Grundtal Ikea, due coperte ( con le quali, usando i Grundtal, creo dei “separatori” fra i microfoni quando registro diversi musicisti contemporaneamente), un controller Novation SLMkII, un Akai EWI4000S con la custodia derivata da un portafucile Decathlon.
C’è entrata anche una piccola fisarmonica…

con la copertura: indistinguibile...

con la copertura: indistinguibile..


4 responses to “Klobo Hacking

Lascia un commento

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...

%d blogger cliccano Mi Piace per questo: