Archivi categoria: Real World

Loon Lake post-production venue…

Anche se con tempi piuttosto dilatati il pre-montaggio di Loon Lake, il film di Wanja, và avanti…

Qui è dove si lavora…


Traps

Comincio finalmente a sistemare le trappole acustiche, faccio le misurazioni, sposto quelle che non sono fissate al soffitto, rifaccio le misurazioni…
Ci sono particolari frequenze che restano difficili da controllare, ma scopro, ascoltando musica, che i miglioramenti ci sono, e notevoli…
La stereofonia è chiara e definita anche spostandosi dalla posizione abituale, davanti e vicino alle casse. Addirittura si sente bene ogni particolare anche dal fondo della sala, dove prima era tutto un suono confuso e riverberato.
Alcuni particolari da mettere a posto e a breve lo studio sarà di nuovo in funzione…
image

appesa in attesa...

 

image

...di essere fermata in posizione...

image

misurazioni dopo il montaggio

 

Posted from WordPress for Android


Le trappole in attesa…

…che io finisca di sistemare lo studio: sto svuotandolo per ritinteggiarlo, dopo anni di utilizzo piuttosto intenso.

traps-troop-ready-to-go!


DIY Bass trap: fuori una!…

Dopo parecchio lavoro, dovuto soprattutto al tentativo di trovare IL modo migliore e più economico per realizzare queste trappole per bassi, sono arrivato a finire completamente la prima trappola…

Cotone 100% Ikea...

La trappola pronta ad essere rivestita di cotone

Nel tentativo di trovare il sistema migliore per “tenere assieme” tutto il materiale non c’era verso di unire le stoffe, sia da sole ( il tessuto-non-tessuto su se stesso, per ricoprire al meglio la lana di roccia) si fra loro ( il cotone al tessuto-non-tessuto).
Collanti tipo Bostik non sono molto adatti: ci ho fermato ( non benissimo, e con esalazioni non molto gradevoli…) il tessuto-non-tessuto, ma il risultato è piuttosto approssimativo.
Per mettere il cotone ( che deve coprire le facce a vista dei pannelli) ho provato in vari modi, alla fine ho deciso di utilizzare la colla a caldo, che si stende utilizzando una pistola elettrica.
Un consiglio: la mia è costata una decina di euro, ci ho incollato un pannello, si sta squagliando anche lei. Non ne ho trovate di migliori, ma se la trovate: prendete quella…
( ho controllato in giro: anche i modelli da oltre cento euro non valgono nulla: tutti in plastica e con il puntale d’uscita d’acciaio, ma circondato da gomma, come la pistola che ho preso io…)

la pistola per la colla a caldo

il retro della trappola rivestita

finita!

alla fine pesa cinque chili e misura 120x60x12 cm


redrawing the studio…

Dopo parecchie misurazioni e dopo aver deciso che l’unica soluzione possibile fosse costruire nuove trappole per i bassi da distribuire nell’ambiente, ho cominciato a far spazio per i nuovi lavori.

Lo studio sarà inagibile per un po’ di tempo, temo…

lo studio sottosopra, un'altra volta...

In compenso ho cominciato a costruire le nuove trappole: cornice di legno, uno strato di poliestere e due di lana di roccia, tessuto-non-tessuto a far da filtro, cotone Ikea come rifinitura finale.
Ne sto costruendo dodici, e ho quasi finito la prima. Lentissimamente: è il prototipo, serve per capire come farle, mica per altro…

Per tagli precisi, squadretta precisa...

 

...cominciamo ad assemblare i pezzi...

...e finiamo con i rinforzi.

La cornice pronta, i fori per aumentarne l'efficacia.

Prima trappola pronta per essere rivestita. il nastro rinforzato per mantenere il materiale in posizione.

il nastro rinforzato, soluzione economica ed efficace.

 

 


Dear friend…

Dear Friend,
Thank you so much for your generous donation to the Roger Nichols Fund.
Back in January (2011) when Roger fell and broke his leg, it became obvious to him and our family that he would no longer be able to work. No one could believe he’d continued to teach engineering classes at Video Symphony for seven months after a diagnosis of stage iv pancreatic cancer, anyway. But that was Roger—dedicated to his craft with a singular zeal. Our daughters (Cimcie & Ashlee) and I helped him as best we could, our hearts breaking all along the way.
I never met a man with more integrity and honor in all his business dealings, but unfortunately he did not always work with people who reciprocated his good deeds. At first, when friends suggested a “donate” page we were appalled. Finally, Roger agreed to do it, believing that with such a public display of injustice, the royalties promised him would surely be paid, and our family would not become a charity to raise funds for medical expenses and bills.
Roger trusted certain people; their right action was not to be. But something else, another very right action did happen–you and many others responded wholeheartedly to his plight.
Your donation gave him hope and restored his spirits. Your generosity allowed him to try an alternative treatment that lifted the fog cluttering his mind after his leg surgery and months of chemo.
Thanks to your kindness, Roger left his body with the knowledge that so many friends, family and people he’d never met, cared about him.
Blessings to you and your loved ones—hug them close.

Sincerely,
Connie Reeder Nichols


mail forwarding…

Mi girano una mail fra il Grande Capo e il vice Grande Capo della produzione del mio ultimo lavoro come musicista…

Caro Xxxx , desidero congratularmi con te e con tutti quelli che
hanno partecipato alla realizzazione del documentario .  Per me
e’ un autentico capolavoro per la regia , per il testo , per il
montaggio , per le musiche,per la ricerca attenta e preziosa dei
materiali , per le voci, per le interviste .e’ esattamente il tipo di
documentario che dovremmo sempre fare: nuovo , diverso , che ci fa
conoscere la storia non ancora scoperta, che ci fa riflettere ,
inorridire e commuovere nello stesso tempo . Avanti così alla faccia
di ****** e tutti quelli che non amano pensare perché sono e
resteranno dei mediocri . Trasmetti per favore a tutti queste mie
considerazioni e grazie !!!

Inviato da iPad


studio rebuilt..

Dopo molte prove d’ascolto ho deciso di risolvere alcuni problemi di risonanze a studio cambiando completamente la disposizione…


Presto metterò delle foto anche delle trappole acustiche che ho costruito appositamente, e che hanno reso molto più piacevole lavorare lì dentro…

Nel frattempo ho fatto alcune prove di registrazione con l’ultimo acquisto: un microfono SE Electronics, il Z3300A.

Con il mio chitarrista abbia registrato usando sia un’acustica Yamaha che una classica Ramirez, e il risultato è molto incoraggiante: questo microfono rende veramente bene…


mancare il bersaglio…

Ho visto “il Petroliere”, con anni di ritardo, e m’è piaciuto.
Daniel Day-Lewis è un gigante, il film è epico e coraggioso ( ci saranno almeno venti minuti iniziali senza una sola battuta di dialogo), le immagini splendide, la regia solida…
La musica?

Ecco: Johnny Greenwood è un grande rocker, è l’anima musicale dei RadioHead, è molto preparato tecnicamente, ma ha mancato il bersaglio…
Alcuni brani sono molto belli, ma sfruttati male, altri semplicemente sono “sbagliati”, non c’entrano nulla con le immagini, con la regia, con la recitazione, con la storia.
A volte sembra sottolineare degli aspetti psicologici che semplicemente non ci sono, non fanno parte della storia che viene raccontata sullo schermo…
Sembra quasi che Greenwood abbia lavorato sulla sceneggiatura e non sulle immagini, o addirittura sul libro, che io non ho letto…
Ha vinto anche dei premi importanti per quel lavoro, ma non è l’unico che vince inspiegabilmente dei premi… 😐

Come mai ha fatto un errore del genere?
E soprattutto: come mai non gli è stato fatto notare il pessimo servizio fatto al film?


back in the studio…

Dopo settimane in giro con il mio MacBookPro, portandomi appresso un borsa piena di cavi, Hd, cuffie e ferraglia varia, passando dal salotto di casa ( sono freddoloso, e a studio non ho riscaldamento…) alla sala di montaggio del Cinecittà-Luce di Roma fino allo studio Sound On per il mix, ecco: finalmente riapro lo studio, riassemblando tutto…

Ho finito il mix del documentario fatto per il Luce, ho montato il piccolo documentario per la Centrale dell’Arte, adesso m’aspettano altri due piccoli documentari, e per entrambi dovrò occuparmi sia della musica che del mix finale…

Nel frattempo, visto che lunedi è il mio compleanno, cerco un microfono decente da aggiungere al piccolo arsenale che già ho…


%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: