Archivi categoria: novità

Craft

Ho finalmente cominciato a realizzare un progetto al quale pensavo da tempo, da quando ho visto PressPausePlay e sul quale scrissi alcune righe.

Qui alcune immagini.

E qui il primo video, Paolo Dubla Liutaio:

Annunci

Next project…

Niente ferie, niente in vista, niente entrate, niente di niente…
È tempo di metter mano al prossimo progetto musicale.

Un passo per volta…

Piano tuning.

                                                               Piano tuning.


Craft is dead?

Ho appena visto (mea culpa: è uscito molto tempo fa…) un bel documentario scaricabile gratuitamente in alta definizione: PressPausePlay.

Parla, con molte interviste, mai noiose, e bellissime immagini, dell’impatto che hanno avuto le “nuove” tecnologie sul “fare” arte in generale, e musica in particolare.
Tra i molti intervistati c’è Moby: produttore, musicista, dj e quant’altro gli viene in mente di essere.
L’affermazione “craft is dead“, che si potrebbe tradurre con “l’abilità, la conoscenza tecnica, è morta” è sua. La usa spiegando che “un tempo per fare fotografia bisognava conoscere a fondo tutta la procedura, dallo scatto iniziale allo sviluppo e la stampa della foto stessa. Adesso non è più così: basta possedere la tecnologia adatta…”.

Questo è più o meno quello che afferma, e detto da lui è comprensibile. Ma falso.

Tutto il documentario, a partire da Moby stesso, non fa che sottolineare il rischio che l’ampia disponibilità di “mezzi” tenda a produrre mediocrità in quantità asfissianti. La “maestrìa”, la padronanza del mezzo si ottiene con lo studio, con la costante applicazione sullo “strumento”, che inevitabilmente porta a conoscerne ogni minimo particolare e caratteristica. E quindi a sfruttarne al meglio le qualità come anche le debolezze.
Avere una telecamera digitale o uno studio di registrazione completo all’interno di un computer non porterà automaticamente ad ottenere filmati o musiche degni di essere visionati e ascoltati.
Di più: l’enorme capacità di accumulare a basso costo miriadi di versioni diverse dello stesso prodotto (film o musica non cambia) inibisce, a chi non ha abbastanza “abilità”, la capacità di ponderare una scelta. O peggio: la scelta rischia di essere influenzata dal mezzo: è meglio il brano che suona più forte, o il filmato che ha la gradazione di colore più in linea con quanto dice il manuale accluso al programma…

Come viene detto anche nel film da Amy Phillips: c’è chi ha talento e chi non ha talento.
Aggiungo io: in parte il talento può essere “surrogato” con l’abilità, ma solo in parte…
Certo, se però non c’è talento e manca del tutto “l’abilità” ecco spiegato come mai siamo invasi da quantità abnormi di spazzatura mediatica…
E come ribadisce Moby: se il mondo viene invaso dalla mediocrità, la gente si abitua alla mediocrità.
Fino alle opinioni controverse di Andrew Keen, probabilmente ferito dal fatto inevitabile che, da questo marasma di idee possano emergere talenti inespressi capaci di mettere al tappeto esperti come lui…

Io, che non mi considero un esperto, sto iniziando una nuova avventura come “dilettante” filmmaker e l’argomento, guarda caso, sarà proprio la maestrìa, la conoscenza del mezzo, lo studio e la passione che può portare una persona fino al livello di Maestro, nel proprio campo.
E ci saranno musicisti, artigiani costruttori di strumenti di qualità, loro e la concorrenza del “mercato” inteso nel senso più deleterio del termine…


Il segreto di Mussolini in DVD

Da un paio di giorni ho finalmente la mia copia del Dvd del documentario “il Segreto di Mussolini” del quale ho scritto le musiche.

E’ il documentario dal quale Marco Bellocchio ha preso lo spunto ( e non solo lo spunto…) per realizzare il suo “Vincere“, film pluripremiato.
L’edizione in Dvd del documentario era stata promessa anni fa dalla Rai, poi vagheggiata dalla produzione del film di Bellocchio, alla fine è stata realizzata da De Agostini, ma con tempi di produzione e soprattutto di distribuzione al limite del ridicolo

Per dire: per avere questa copia c’è voluto quasi un anno, fra telefonate a numeri a pagamento e richieste via mail…

il segreto di Mussolini in DVD


…e finalmente…

…il documentario “Il corpo del Duce”, prodotto da Cinecittà-Luce, del quale ho scritto le musiche, trova la strada per un pubblico televisivo.

Il prossimo 23 maggio, in prima serata, Rete 4 ( ouch!…) lo manderà in onda nel contenitore Apocalypse

Per chi dovesse apprezzarlo, lo si trova anche in libreria in formato Dvd, con alcuni contenuti speciali aggiunti.

il Dvd


Premix…

Dividendomi tra la colonna sonora di Loon Lake e il disco dell’aspirante cantante senegalese del quale sto curando un po’ tutto, compreso un ego ipertrofico, preparo un premix che lui vuole portarsi in Senegal per farlo ascoltare a potenziali finanziatori…

Immagine


Back to studio…

In attesa di notizie sempre imminenti, ma sempre rinviate, preparo lo studio per alcuni miei progetti, sempre rinviati, e adesso imminenti…
Nel frattempo, mentre il Neumann KM56 da un lato promette ( gli scrocchi se ne vanno quando è acceso da qualche ora…), dall’altra continua a dar problemi, anche se forse s’è capito dove metter mano per eliminare il fastidioso uhm…
La collezione di microfoni vintage s’è arricchita di qualche altra perla minore, ho preso ad un prezzo stracciato un convertitore in più, niente di ché, ma utilizzabile ( e adesso ho 24 ingressi) e soprattutto ora posso sfruttare la potenza di un preamplificatore valvolare relativamente economico, ma di grande efficacia, un ART MPAII…

Preamp valvolare MPA II

Ha la possibilità di variare l’impedenza e quindi di valorizzare al meglio ogni singolo microfono, anche gli economici T-Bone a nastro dal volume d’uscita talmente basso da dare quasi solo soffio se collegati “nudi e crudi” all’interfaccia.


Il migliore affare, quasi concluso…

Il mio Neumann KM56, microfono valvolare con 56 anni sulle spalle, sta per tornare al lavoro…

Dopo settimane di ricerche, offerte truffaldine e interlocutori che sparivano nell’ombra, ho finalmente trovato la rarissima valvola Telefunken AC701 indispensabile per il suo funzionamento.
Non esistono alternative, o meglio: si trovano ( a prezzi quasi altrettanto assurdi…) dei cloni cinesi in grado di occuparne il posto, ma non di sostituirne le funzioni, meno che mai di eguagliarne le prestazioni.

Resto in attesa che dall’Austria m’arrivi questa microscopica meraviglia…

Telefunken AC701


Endless vintage

Gli ultimi quattro arrivati a studio, tutti dalla Germania, tutti funzionanti.

Grundig MD21

Grundig MD21, un Senneheiser rimarchiato

Un omnidirezionale dal suono grandioso, provato con il piano a coda…

Philips Egg

Altro omni, della Philips, pare sia una delle prime scelte per chi suona l’armonica, viste le dimensioni. Io lo trovo altrettanto buono per la voce, visto il bassissimo rumore di fondo.

Philips stereo

Un Philips stereo, ricordo d’averlo visto usare da mio padre quando ero bambino, ma questo ha gli attacchi XLR, e con i preamps FetHead funziona benissimo anche lui…

Astatic D104

L’acquisto più rischioso: un Astatic D104 considerato il migliore microfono sul mercato, messo in commercio nel 1930 e andato avanti così per oltre 60 anni.
Solo che si parla del mercato dei radioamatori…
Come da foto, l’ho aperto, gli ho modificato l’attacco e adesso non vedo l’ora d’usarlo con un po’ di voci: comprime e distorce come piacerebbe agli Elbow


Persistere è diabolico…

…ma forse è il caso di farlo…
Dopo decine di mail mandate un po’ verso ogni continente ho scoperto che a dieci km da casa c’è questo tecnico che avrebbe potuto “dare uno sguardo” al mio acquisto, il Neumann KM56 comprato tempo fa ad un mercatino.
Oggi finalmente ho portato il microfono a far vedere, con gli schemi elettrci mandatimi da Neumann, che ha anche stabilito la data di fabbricazione: 1956.
Dopo un’ora di prove e controlli s’è stabilito che il microfono ha bisogno di una nuova valvola, quella che monta ha il filamento interrotto.
Il problema è che ha dei prezzi assurdi, ‘sta valvola, visto che non è più in produzione da 40 anni…

Il microfono è stato riassemblato, in attesa che io riesca a trovare la valvola di ricambio…

Neumann KM56 esploso


%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: