Archivi categoria: impegni

Loon Lake…

In famiglia siamo in molti ad occuparci di spettacolo, con alterne fortune.
Un mio fratello è regista e spesso lavoriamo assieme, sua moglie è attrice e adesso si sta cimentando nel suo primo lungometraggio, protagonista principale sua figlia, giovane attrice già piuttosto conosciuta…
Il film è a bassissimo costo, e così oggi mi sono ritrovato a fare il primo editing del materiale girato, e domani ancora. E poi ancora e ancora, temo…

Sul web c’è già un teaser, montato da altri, ma che rende l’idea sul materiale che occupa il mio MacBookPro in questi giorni…


Finally…

… il nuovo acquisto è arrivato, sano e salvo, nello studio.

Pulito a fondo, regolato la meccanica, pronto per essere accordato, appena s’è acclimatato.
Non vedo l’ora di registrarlo, con il suono che ha, con la sala fianlmente trattata a dovere, non vedo l’ora…

Il Petrof al suo posto...


…e una volta a settembre…

… lentamente le cose ricominciano a muoversi.
Domani parte da Londra il pacco di attrezzatura per lo studio ordinata da tempo: mancava un pezzo, pensavano d’avermelo segnalato, mi hanno telefonato per chiedermi come mai avessi pagato senza voler sapere che fine avesse fatto l’ordine…
In realtà non avevano segnalato nulla e resto stupito che mi facciano una telefonata da Londra per rispondere ad una mail…

Venerdi montano il condizionatore, entro giovedi dovrebbe arrivare l’altro materiale per finire il trattamento acustico, e per la fine della prossima settimana dovrei poter prendere il pianoforte a coda…

Nel frattempo seguo attentamente una mezza dozzina di aste su eBay di microfoni vintage super-convenienti, ma con carattere…


Traps

Comincio finalmente a sistemare le trappole acustiche, faccio le misurazioni, sposto quelle che non sono fissate al soffitto, rifaccio le misurazioni…
Ci sono particolari frequenze che restano difficili da controllare, ma scopro, ascoltando musica, che i miglioramenti ci sono, e notevoli…
La stereofonia è chiara e definita anche spostandosi dalla posizione abituale, davanti e vicino alle casse. Addirittura si sente bene ogni particolare anche dal fondo della sala, dove prima era tutto un suono confuso e riverberato.
Alcuni particolari da mettere a posto e a breve lo studio sarà di nuovo in funzione…
image

appesa in attesa...

 

image

...di essere fermata in posizione...

image

misurazioni dopo il montaggio

 

Posted from WordPress for Android


Nuvola acustica 2.0

Tutto il giorno sulla scala, ma alla fine…

image

La nuvola acustica installata

image

L'intricatissimo sistema per sorreggere tutto...

image

close up, c'è una fessura che separa la nuvola per far passare la luce

Posted from WordPress for Android


Le trappole in attesa…

…che io finisca di sistemare lo studio: sto svuotandolo per ritinteggiarlo, dopo anni di utilizzo piuttosto intenso.

traps-troop-ready-to-go!


DIY Bass trap: fuori una!…

Dopo parecchio lavoro, dovuto soprattutto al tentativo di trovare IL modo migliore e più economico per realizzare queste trappole per bassi, sono arrivato a finire completamente la prima trappola…

Cotone 100% Ikea...

La trappola pronta ad essere rivestita di cotone

Nel tentativo di trovare il sistema migliore per “tenere assieme” tutto il materiale non c’era verso di unire le stoffe, sia da sole ( il tessuto-non-tessuto su se stesso, per ricoprire al meglio la lana di roccia) si fra loro ( il cotone al tessuto-non-tessuto).
Collanti tipo Bostik non sono molto adatti: ci ho fermato ( non benissimo, e con esalazioni non molto gradevoli…) il tessuto-non-tessuto, ma il risultato è piuttosto approssimativo.
Per mettere il cotone ( che deve coprire le facce a vista dei pannelli) ho provato in vari modi, alla fine ho deciso di utilizzare la colla a caldo, che si stende utilizzando una pistola elettrica.
Un consiglio: la mia è costata una decina di euro, ci ho incollato un pannello, si sta squagliando anche lei. Non ne ho trovate di migliori, ma se la trovate: prendete quella…
( ho controllato in giro: anche i modelli da oltre cento euro non valgono nulla: tutti in plastica e con il puntale d’uscita d’acciaio, ma circondato da gomma, come la pistola che ho preso io…)

la pistola per la colla a caldo

il retro della trappola rivestita

finita!

alla fine pesa cinque chili e misura 120x60x12 cm


Bass Traps almost done…

Lentamente le trappole per bassi vanno avanti.
Oggi ho rivestito le ultime fatte, con del tessuto-non-tessuto, sul quale poi andrà della stoffa dall’aspetto meno casareccio…

le dodici trappole pronte per essere rivestite

primo passaggio: taglio del tessuto

si "spilla" il primo lato...

...si "spilla" il secondo lato...

..si "spilla" il terzo lato...

...e si "spilla" l'ultimo

primo piano della "spillatura".

Le prime tre trappole pronte ad essere "vestite"...

Domani prendo altro tessuto-non-tessuto per rivestire le ultime due rimaste “nude” per un errore di calcolo ( fin’ora ne ho usati 30mq…), poi viene il tecnico per farmi il preventivo per l’installazione del climatizzatore a ricambio d’aria.
E dopodomani vado a fissare l’appuntamento per valutare l’acquisto di un sogno


Demolition man…

Dopo giorni di misurazioni con programmi specifici, e dopo aver trovato la soluzione adatta a quasi tutti problemi di risonanze, rimangono alcuni punti da affrontare.
Leggo sul Web tutti i forum di acustica che trovo, scarico articoli e manuali, prendo misure e faccio e ri-faccio prove, spostando avanti e indietro casse e workstation di lavoro, alla ricerca del giusto equilibrio fra comodità d’uso ( quella che alcuni chiamano “ergonomia”…) e corretta acustica per mixare.

misurazioni approssimative...

Ma comunque la soluzione già so qual’è: trappole acustiche per i bassi ovunque!

Per questo ho smontato i pannelli che avevo distribuito lungo i bordi del soffitto e su alcune pareti: sono pannelli di lana di roccia, piuttosto leggeri, con una faccia leggermente “intonacata” e l’altra “vetrificata” per impedire la dispersione delle fibre minerali.
Ognuna è incorniciata con una sottile fascia di legno.
Acusticamente hanno aiutato a risolvere alcuni problemi sulle frequenze medio-alte, ma adesso verrano riciclate come “acoustic cloud”: nuvola acustica…

Le sospenderò al soffitto, lasciando un po’ di spazio al di sopra, e ci aggiungerò alcuni pannelli di ovatta acustica Vital per aumentarne l’efficacia sulle frequenze più basse.

Lo spazio ( e la funzione) lasciato libero agli angoli fra il soffitto e le pareti verrà occupato da trappole acustiche più efficaci, spesse una decina di centimetri, sempre in lana di roccia, ma di maggiore massa…

la "nuvola" pronta per essere montata...

 


lavori in corso…

I lavori a studio da qualche parte devono cominciare, e così inizio dai monitors.
Una delle critiche che mi hanno fatto guardando il mio render 3D è sulla scelta di utilizzare una libreria metallica Ikea leggera: la struttura entra in vibrazione anche a basso volume d’ascolto, e trasmette facilmente la vibrazione al pavimento.
L’idea iniziale era di rendere la libreria più pesante, ma essendo piuttosto delicata l’aumento del peso ( l’idea era di riempirne la struttura delle zampe con sabbia) l’avrebbe resa anche meno stabile. Senza contare che comunque la differenza di peso sarebbe stata irrisoria…

Ho allora deciso di riciclare delle tavole di legno che ancora ho da parte, avanzi di lavori già fatti, ma stavolta ho prima realizzato il render 3D per avere un’idea precisa dell’aspetto che avrà…

sostegno per i monitors Genelec 1030A

Le maniglie serviranno per spostarli: fra legno multistrato da 15mm e la sabbia con la quale le riempirò ( per aumentarne la massa ed impedire che entrino in risonanza) peseranno una settantina di kg l’una!…


%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: